Categorie
Lezioni di Equitazione

Il canter e il galoppo

Scoperti tutti i segreti del trotto, si può passare al canter. Il canter ha un ritmo in tre tempi: il cavallo appoggia prima una zampa posteriore, poi l’altra anteriore. Anche nel canter c’è un momento in cui tutte le zampe sono sospese in aria.

 

 

Il canter seduto

Il galoppo seduto è molto piu comodo del trotto seduto  anche il galoppo in sospensione è più naturale del trotto sollevato. Il galoppo è destro se la zampa che il cavallo porta in estensione alla fine della sequenza è la destra, sinistro se la zampa è quella sinistra. Le prime volte sicuramente è più semplice galoppare in circolo o alla corda. Come si parte al galoppo?

Fai qualche falcata al trotto seduto.

Quando senti che l’impulso è giusto e l’assetto stabile, spingi l’anca interna in avanti, porta la gamba esterna dietro il sottopancia, lascia l’interno appoggiata al sottopancia, poi stringile ed il cavallo partirà al galoppo.

L’assetto deve essere come al passo con il busto eretto ed i muscoli rilassati. Con il braccio segui il movimento della schiena del cavallo e, con le braccia aderenti al busto,, asseconda il naturale andamento avanti ed indietro della testa e del collo.

Tieni sempre le gambe nella giusta posizione, cioè quella esterna leggermente più indietro e controlla che la tua schiena non si inclini troppo in avanti o indietro.

il canter in sospensione

Quando avrai acquisito un buo equilibrio prova ad aumentare la velocità e a fare un canter in sospensione. stare in sospensione significa spostare il peso dalla schiena del cavallo e distribuirlo sulle tue anche e sulle tue ginocchia. Di conseguenza in tuo gusto si inclinerà un po in avanti: attenzione però a non esagerare.

 

 

Il galoppo

Oltre ad una certa velocità il canter diventa galoppo. Il ritmo viene allora scandito in 4 tempi, per esempio: posteriore destro, posteriore sinistro, anteriore destro e sinistro. Poi una breve sospensione.

Per passare dal galoppo al trotto, fai prima un pò di canter in sospensione, poi di galoppo seduto. Ferma il movimento del bacino e sposta leggermente il peso all’indietro con la schiena.