Carciofo

Famiglia : Asteraceae

Nomi locali : Articiocca, Carciofen, Sgalera, Carduna, Iscarzoffa

 

Principi attivi : cinarina, glucosidi, tannini, inulina

Proprietà : diuretiche, depurative, ipocolesterolemizzanti, coleriche, protettrici del fegato, digestive, amaricanti

Usi e funzioni :

Le foglie di carciofo, quelle che vengono scartate in cucina, hanno funzione erboristica e medicinale e vengono quindi utilizzate per stimolare la diuresi, proteggere il fegato, favorire e fluidificare la produzione di bile e abbassare il tasso di colesterolo nel sangue, oltre a queste caratteristiche, rende, indirettamente, la pelle più sana e luminosa.

Preparati per ingestione :

I seguenti preparati hanno funzione diuretica, depurativa ed epatoprotettiva :

Usando le foglie :

Decotto : 2 g in 100 ml di acqua, bere 1-2 tazze al giorno.

Tintura : 20 g in 100 ml dialcool a 60°, assumere un cucchiaino dopo i pasti.

Tintura vinosa : 2 g in 100 ml di vino, lasciar macerare per 5 giorni, bere 1-2 bicchierini dopo i pasti.

I seguenti preparati hanno funzione diuretica ed aperitiva :

Utilizzando il rizoma :

Decotto : 2 g in 100 ml di acqua, bere una tazzina prima dei pasti.

Tintura vinosa : 2 g in 100 ml di vino, lasciar macerare per 10 giorni, bere un bicchierino prima dei pasti.

Uso cosmetico :

Il decotto di carciofo risulta utile per rinormalizzare le pelli gialle con foruncoletti dei soggetti epatici.

Autore dell'articolo: Matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *