Fly Ball

Flyball  

 

 

Il Fly Ball nasce nel 1970 in California. Questa disciplina poco conosciuta in Italia è altresì molto radicata in Gran Bretagna, Belgio, Olanda, Australia e Canada.

Il Fly Ball è una staffetta che si basa sulla velocità di esecuzione dei cani e su una millimetrica precisione dei conduttori. Ogni squadra è composta da un minimo di 4 coppie cane-conduttore fino ad un massimo di 6, delle quali solo 4 gareggiano in ogni singola prova. Inoltre sono presenti nelle squadre un addetto al box ed un capitano. I cani che gareggiano nelle staffette devono essere provvisti di pettorina.

L’esecuzione della gara (gestita attraverso un semaforo luminoso ed un sistema elettronico di controllo degli scambi e misurazione dei tempi) si svolge sulla sfida di due squadre che gareggiano parallelamente su un percorso di circa 18 mt. dove i cani devono affrontare 4 ostacoli, arrivare alla macchinetta spara palline e recuperare al volo la pallina, tenerla in bocca ed affrontare a ritroso il percorso. Solo quando il cane che torna oltrepassa la linea partenza/arrivo, il secondo cane può attraversare tale linea e così facendo fino a che tutti i membri della squadra non avranno effettuato il percorso. La sfida finirà quando tutti i membri delle due squadre avranno affrontato il percorso in modo corretto. La squadra vincente sarà determinata da quella che avrà ottenuto il tempo migliore di esecuzione senza errori.

I salti che i cani dovranno saltare avranno un’altezza pari a 10 cm. in meno dell’altezza del cane più piccolo che partecipa alla staffetta. Se per esempio in un Team ci sono 3 cani alti 50 cm. ed uno alto 40cm., tutti e quattro salteranno a 30 cm.

Il record italiano ufficiale di 18″30′ è stato ottenuto nel 2003 ai Campionati d’Europa in Olanda dalla squadra Crezy for Flyball composta dai seguenti binomi: Gabriella Candarelli con Tweeny (Border Collie), Gianfranco Giraudi con Calamity Jane (Border Collie), Barbara Labella con Sonny (Border Collie), Andrea Balugani con Iala (Border Collie) e Paola Costantino con Pritty (Shetrland).

 

 

da: http://www.irmagility.it/agility.htm 

Autore dell'articolo: Matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *