Mondioring

REGOLAMENTO PROVE MONDIORING

Categoria 1 – 2 – 3 – Debuttanti

ART. 1
DISPOSIZIONI GENERALI.

  1. L’Ente Nazionale Cinofilia Italiana (ENCI) organizza e promuove, al fine di valutare le doti caratteriali dei cani, nonché la loro capacità di reagire a qualsiasi tipo di addestramento per il loro inserimento nella vita sociale, la disciplina del Mondioring, in conformità alle regole approvate dalla Federazione Cinologica
    Internazionale (FCI), entrate in vigore a far data dal 01 dicembre 1995, ed alle integrazioni approvate dalla Commissione per cani di utilità della FCI nel marzo 2001.
  2. L’organizzazione delle prove è affidata ai gruppi cinofili ed alle associazioni specializzate, soci dell’ENCI, denominati “Comitati organizzatori”.
  3. Le prove di Mondioring vengono svolte sulla base del presente disciplinare.

ART. 2
SCOPO
Il Mondioring è una disciplina sportiva aperta ai cani di tutte le razze, iscritti a un libro origini riconosciuto dalla F.C.I. , atta a favorire la buona integrazione degli stessi nella società. E’ un arricchimento di conoscenze cinofile fra tutti gli appassionati del cane da lavoro, che siano debuttanti o campioni. Ha per obbiettivo di essere, per gli spettatori un divertimento, per i partecipanti alle prove un gioco con difficoltà progressive,per gli appassionati di addestramento un momento di competizione e confronto.
Inoltre, la finalità del Mondioring è di mettere in evidenza le attitudini del cane, la qualità del suo addestramento, la perizia del conduttore e, soprattutto, il patrimonio genetico del cane.

ART. 3
CLASSI DI LAVORO

  1. Sono previste quattro categorie nelle prove di Mondioring:
    1. Debuttanti (100 punti): sono ammessi soggetti di tutte le razze, di età superiore a 12 mesi, anche non iscritti ai libri genealogici, che non abbiano mai partecipato a prove di categoria superiore e siano, bona fide, di proprietà del conduttore o di un suo famigliare. La classe debuttanti è facoltativa.
    2. Categoria 1 (200 punti) : sono ammessi tutti i soggetti che abbiano compiuto 12 mesi di età
    3. Categoria 2 (300 punti) : sono ammessi tutti i soggetti che abbiano ottenuto almeno due volte il punteggio minimo di 160 punti in classe 1.
    4. Categoria 3 (400 punti) : sono ammessi tutti i soggetti che abbiano ottenuto almeno due volte il punteggio minimo di 240 punti in classe 2.
  2. Il conduttore che lo desideri, può restare in ciascuna classe tutto il tempo che vuole.
  3. Finché il conduttore non abbia realizzato un punteggio minimo di 300 punti in classe 3, può continuare a presentarsi alle prove nella classe 2
  4. Un cane praticante la disciplina di Ring,potrà debuttare in Mondioring nella stessa classe che pratica nel suo paese.
  5. Un cane di Ring che partecipi nel suo paese alle prove nazionali (Concorsi selettivi per i Campionati nazionali), deve debuttare in Mondioring direttamente nella classe 3.
  6. Per ogni classe il programma di lavoro è costituito da quattro tipi di prove, che si svolgono obbligatoriamente nel seguente ordine:
    1. Esercizi di ubbidienza.
    2. Esercizi di salto.
    3. Esercizi di morso.

ART. 4
PROVE RICONOSCIUTE DALL’ENCI

L’ENCI riconosce le seguenti prove:

  • internazionali;
  • nazionali;
  • regionali.
  1. Prova internazionale: in questa prova viene rilasciato il Certificato di Attitudine al Campionato Italiano di Mondioring (CAC) e il Certificato di Attitudine al Campionato Internazionale di Mondioring (CACIOM). Il CAC viene rilasciato al vincitore della classe 3 con qualifica di “Eccellente”. Il CACIOB viene rilasciato al vincitore della classe 3 con qualifica di “Eccellente”. La riserva di CACIOM viene rilasciata al secondo classificato della classe 3 con qualifica di “Eccellente” e potrà essere utilizzata nel caso in cui il soggetto che ha ottenuto il CACIOM sia già stato proclamato “Campione internazionale di Mondioring”.
  2. Prova nazionale: in questa prova verrà rilasciato il CAC al vincitore della classe 3 con qualifica di
    “Eccellente”.
  3. Prova regionale: in questa manifestazione non verrà rilasciato il CAC

ART.5
CONDIZIONI GENERALI DI AMMISSIONI ALLE PROVE

  1. Possono partecipare alle prove di Mondioring:
    1. Cani di tutte le razze, di età superiore a 12 mesi, iscritti al Libro Genealogico del cane di razza od in altro libro delle origini riconosciuto dalla FCI.
    2. I partecipanti dovranno essere in possesso di un libretto di lavoro rilasciato da un Kennel Club riconosciuto dalla FCI, dove saranno annotati i risultati.
    3. Le femmine in calore potranno partecipare,ma saranno giudicate dopo tutti gli altri cani e dovranno essere tenute fuori dal terreno di gara finché tutti i concorrenti non abbiano concluso la prova.
  2. Non potranno prendere parte alle prove i cani affetti da malattie infettive o contagiose, aggressivi,sordi,ciechi,feriti o con zoppie,visibilmente in stato di gravidanza od allattamento.
  3. Squalifica: nel corso della prova, un cane che tenti di mordere od attaccare delle persone od altri cani,è escluso dal concorso per decisione del giudice.
  4. I cani devono essere in possesso di certificato antirabbico in corso di validità.
  5. E’ richiesto un comportamento corretto da parte dei concorrenti.
  6. Qualsiasi atto di brutalità contro il proprio cane o cani altrui,sarà severamente punito con la squalifica immediata del conduttore.Altri procedimenti potranno comunque essere presi a carico dell’interessato.
  7. Il comitato organizzatore si riserva il diritto di rifiutare le iscrizioni oltre i termini o le modalità previste dalle norme stabilite dall’ENCI..
  8. I conduttori italiani devono essere membri di un sodalizio riconosciuto dall’ENCI..
  9. I conduttori stranieri devono essere associati ad un Kennel Club riconosciuto FCI e devono provare di essere in possesso dei requisiti per la categoria cui vengono iscritti.

ART. 6
PROGRAMMA DELLE PROVE

  1. Il programma delle prove comprende una serie di esercizi i cui requisiti tecnici sono riportati nell’allegato 1

ART.7
ORGAIZZAZIONE DI UNA PROVA

I comitati organizzatori che intendono organizzare una prova di Mondioring, devono:

  1. Rispondere ai requisiti richiesti dalla normativa generale per le manifestazioni ENCI.
  2. Procurarsi un terreno recintato delle dimensioni minime di mt. 60 x 40 e di superficie comunque non superiore a mq. 5.000. Inoltre il fondo del terreno non potrà essere lastricato o bitumato. Si avrà cura di controllare che il terreno non contenga alcun oggetto che possa essere fisicamente dannoso per il cane.Per accedere al terreno di gara sono necessari due ingressi, uno per i concorrenti,l’altro per i figuranti.
  3. Predisporre un locale chiuso affinché i figuranti possano nascondersi quando non sono impegnati negli esercizi; tale locale deve essere posto ad almeno 5 mt. dal terreno in modo tale che i cani in gara non possano sentire la presenza dei figuranti.
  4. Tracciare ed organizzare il terreno, secondo le indicazioni dei giudici, conformemente alle norme tecniche riportate nell’allegato 1.
  5. Designare gli Esperti/Giudici,appartenenti all’Albo ufficiale ENCI od appartenenti ad un altro paese riconosciuto dalla FCI.
  6. Designare almeno due Figuranti (Homme Assistant) appartenenti all’Elenco ufficiale ENCI od appartenenti ad un altro paese riconosciuto dalla FCI..
  7. Nominare le persone che sono necessarie al buon svolgimento della prova:
    1. Un commissario di ring buon conoscitore del programma e della condotta di gara.
    2. Due persone addette alla segreteria.
    3. Un assistente ai giudici per la trascrizione dei giudizi formulati.
    4. Almeno due collaboratori per la manovra degli ostacoli e fornitura del materiale di gara.
    5. Un tavolo attrezzato per la giuria,facilmente accessibile dai giudici senza interrompere il controllo della prova.
  8. Disporre del materiale necessario agli esercizi:
    • 6 accessori per l’esercizio di morso.
    • 1 ostacolo a terra per l’esercizio di morso.
    • 6 nascondigli per l’esercizio di ricerca.
    • 3 strutture per i salti (alto ­ lungo – palizzata)
    • 6 oggetti per l’esercizio di riporto.Devono permettere la buona presa del cane e pesare al massimo 1kg.Sono vietati gli oggetti di vetro e metallici.
    • Un numero adeguato di esche di varia qualità e di dimensioni ragionevoli (circa la grandezza di un pugno), costituite da:carne cotta o cruda,ossa, teste di pesce, formaggio, dolci, ecc.
    • Legnetti per la ricerca (cm. 15x2x2)
    • 2 revolver con cartucce di 9mm.
    • Segnalatori verdi e rossi per il falso attacco.
    • 2 tipi di diversione per il minuto di assenza del conduttore.
    • 3 o 4 oggetti di uso comune per l’esercizio della guardia all’oggetto.
    • Fogli di giudizio regolamentari.
  9. Attrezzare un nascondiglio fuori dal terreno di gara,in cui il conduttore con il suo cane si dovrà nascondere durante la preparazione dell’esercizio di ricerca e scorta, dotato di un recipiente contenente acqua fresca in cui il conduttore,se lo desidera,possa far bere il suo cane.
  10. Mettere a disposizione della giuria un “cane in bianco” con relativo conduttore,per ogni singola classe di prove e per ogni giorno di gara.
  11. Il numero massimo di concorrenti per ogni gara sarà stabilito considerando che il turno massimo di lavoro per un solo giudice è di 9 ore al giorno.Il numero minimo di concorrenti è di 10 iscritti.
  12. La chiusura delle iscrizioni, accompagnate dal relativo importo,deve pervenire al comitato organizzatore entro 15 giorni dalla data di svolgimento della prova, con deroga fino a 10 giorni dalla prova, con una maggiorazione della tassa di iscrizione pari al 20%.
  13. Secondo le modalità previste dalle norme generali delle manifestazioni cinofile, deve essere redatto il catalogo dei soggetti iscritti alla prova, nel quale sono indicati i dati dei cani (nome,data di nascita,numero del certificato,marcatura o microchip, proprietario, conduttore).
  14. Il comitato organizzatore dovrà essere provvisto di lettore universale di microchip.
  15. Il conduttore non potrà essere diverso da quello indicato nella scheda di iscrizione.
  16. Ogni cane non potrà concorrere in due diverse classi nello stesso concorso.

ART. 8
GIUDIZI

  1. Tutti i giudizi sono inappellabili.
  2. In caso di giuria composta da più membri,questi giudicheranno insieme e non separatamente.
  3. I concorrenti verranno valutati dal momento del loro ingresso sul terreno,fino al momento in cui lo lasceranno.
  4. I risultati ottenuti saranno trascritti sul libretto delle qualifiche e permetteranno l’accesso ai vari Campionati ed al Campionato del mondo della FCI, nel rispetto delle norme emanate dall’ENCI.
  5. Valutazioni e giudizi saranno compilati sulle rispettive schede di giudizio.
  6. Valutazioni e giudizi sono riportati nell’allegati 1.

ART. 9
TITOLI

CAMPIONE ITALIANO DI MONDIORING
Il titolo di Campione italiano di Mondioring viene assegnato dall’ENCI al soggetto che abbia ottenuto i seguenti risultati:

  • 3 CAC (le riserve potranno essere utilizzate nel caso in cui il soggetto che ha ottenuto il CAC sià già stato
    proclamato campione italiano e non abbia utilizzato il titolo in questione per diventarlo o anche se il rilascio
    del CAC non dovesse, per qualsiasi motivo, essere convalidato dall’ENCI);
  • qualifica di almeno “Molto Buono” ottenuta in esposizione internazionale, nazionale, o raduno di razza. I soggetti che hanno conseguito i risultati indispensabili devono fare richiesta all’ENCI compilando l’apposito modulo e allegando allo stesso la fotocopia del libretto delle qualifiche, la fotocopia del pedigree e dei cartellini di CAC rilasciati.

CAMPIONE INTERNAZIONALE DI MONDIORING
Il titolo di Campione internazionale di Mondioring viene assegnato dalla FCI al soggetto che abbia ottenuto i
seguenti risultati:

  • 2 CACIOM in due diversi Paesi con due differenti esperti giudici in un periodo minimo di un anno e un
    giorno (la riserva potrà essere utilizzata nel caso in cui il soggetto che ha ottenuto il CACIOM sia già stato
    proclamato campione internazionale);
  • qualifica di almeno “Buono” ottenuta in esposizione internazionale riconosciuta dalla FCI.

ART. 10
DISPOSIZIONI FINALI

  1. Per quanto non previsto dal presente Disciplinare, si applicano le norme generali per le manifestazioni cinofile.
  2. Le modifiche alle norme tecniche ed organizzative per le prove di Mondioring, di iniziativa del Ministero delle politiche agricole e forestali, entrano in vigore dalla data del relativo Decreto di approvazione; quelle proposte dall’ENCI, previo conforme parere della CTC, devono essere trasmesse al Ministero delle politiche agricole e forestali, entro 60 giorni dalla data della delibera della CTC. Le modifiche entrano in vigore dalla data del relativo Decreto di approvazione,o comunque dopo 90 giorni dalla data di trasmissione delle stesse al ministero delle politiche agricole e forestali, nel caso in cui non ci sia stato un parere contrario di quest’ultimo.
  3. Le modifiche agli allegati, conseguenti alle regole approvate dalla FCI, sono direttamente applicabili previa comunicazione al Ministero delle politiche agricole e forestali.

Visto si approva.

 

{mospagebreak title=Prove Sportive}

 

 

 

CATEGORIE 1- 2 – 3

REGOLAMENTO UFFICIALE DELLE PROVE SPORTIVE DI MONDIORING

 

I – INTRODUZIONE

Il programma di Mondioring è stato elaborato da delegati di numerosi paesi europei ed americani, nell’intento di diventare una fusione dei programmi nazionali già esistenti, e permettere una unione costruttiva di tutti gli amatori del cane da lavoro, debuttanti o provetti.Ha come obbiettivo di essere,per gli spettatori un divertimento,per i partecipanti un gioco con difficoltà progressive,per gli appassionati di addestramento uno sport da competizione.
Per praticare il Mondioring occorre un terreno recintato, equipaggiato con diversi materiali, ed una o due persone protette da un costume, che saranno i partners dei cani,dei loro conduttori e dei giudici incaricati di selezionarli nei concorsi,alle condizioni previste dal regolamento.
Il regolamento riguarda l’ordinamento delle prove,il punteggio attribuito agli esercizi e le penalità relative agli errori commessi.
Per essere accessibile al maggior numero possibile di utenti,il programma di Mondioring si propone di essere: conciso nella sua descrizione,semplice nella sua applicazione, chiaro nei giudizi.
I giudici non dovranno dimenticare la filosofia che ha animato gli ideatori di questo programma ogni volta che si presenterà loro una circostanza eccezionale, non prevista o non ben definita dal regolamento.Dovranno innanzi tutto rispettare lo spirito di questo regolamento ed evitare ogni interpretazione abusiva o pregiudizievole per il cane.
La finalità del Mondioring è di mettere in evidenza le attitudini del cane,la qualità del suo addestramento,la capacità del conduttore e, soprattutto, il patrimonio genetico del cane.
Il programma è composto da tre tipi di prove, che di svolgeranno obbligatoriamente nel seguente ordine:
1 Esercizi di ubbidienza
2 Esercizi di salto
3 Esercizi di morso
L’ordine degli esercizi all’interno di ciascuna delle tre prove,potrà essere sorteggiato dai concorrenti prima di ciascun concorso, e sarà lo stesso per tutta la gara.
Nota:Il regolamento di Mondioring, dovendo essere tradotto in diverse lingue, potrebbe dare adito a sfumature od approssimazioni diverse fra una traduzione e l’altra.Se vi fossero ambiguità,farà fede l’edizione del regolamento in lingua francese.

 

II – FIGURANTI (HOME ASSISTANT) (H.A.)

In breve, si può ricordare che in passato il figurante fu definito alternativamente “Homme d’attaque” ­”Apache” ­ “Malfaiteur” ­ “Mannequin” ­ “Paillasse”. In America è definito da alcuni “Decoy” (lepre) oppure “Helper” (assistente) e ciascuno di questi termini porta in sé una diversa filosofia dell’arte dell’addestramento.
Nonostante si sia detto nel capitolo precedente che l’H.A. è il partner dei cani e dei conduttori,dovrà anche essere per loro un avversario, poiché deve collaborare con il giudice durante il concorso, per aiutarlo a classificare i cani per ordine di merito.
Se si accontentasse di un comportamento passivo, non sarebbe che un manichino articolato capace unicamente di farsi mordere.Sentendosi protetto dal costume,potrebbe rischiare di esagerare nella sua opposizione al cane, ed attuare,più o meno volontariamente,un comportamento diverso fra un cane e l’altro.
Il suo è un ruolo difficile,ma egli dovrà sempre contenerlo dentro il migliore spirito sportivo.
Senza analizzare tecnicamente il lavoro dell’H.A., si possono stabilire tre regole d’oro da non dimenticare mai:
1-L’H.A. sarà di una imparzialità assoluta.
2-Non procurerà mai, in alcun modo,un dolore fisico al cane.
3-Dovrà comportarsi come se non indossasse il costume protettivo,utilizzando dunque la sua vivacità,l’astuzia,la minaccia, le finte,per difendersi od impressionare il cane.
L’H.A. non potrà in nessun caso colpire il cane con il bastone.
Quando farà uso del revolver,sparerà in aria, con un angolo di almeno 45°
All’inizio di tutti gli attacchi, l’H.A. si posizionerà sempre ad una distanza di 10 ­ 20 metri dal cane,sull’asse centrale del terreno.
E’ formalmente proibito all’H.A. di parlare e dare comandi a voce al cane (i gesti sono autorizzati)
Nel caso di utilizzazione di un elemento liquido,è ammessa solo l’acqua.
Inoltre è sottinteso che il giudice è responsabile del lavoro del suo H.A. e che quest’ultimo dovrà conformarsi alle sue prescrizioni.
La selezione degli H.A. è realizzata in ciascun paese con le modalità che gli sono proprie.

 


III – PRESCRIZIONI

1 – PRESENTAZIONE
Il conduttore entra sul terreno con il suo cane,all’invito del commissario di ring.
Si porterà al tavolo della giuria per presentarsi,con il cane al piede,senza guinzaglio,né collare,né museruola.
Indicherà l’altezza e la lunghezza iniziale scelta per i salti. Preciserà al giudice se richiama il suo cane a distanza con la voce o con il fischietto. Sceglierà una busta nella quale è stabilita, per il suo cane,la natura del primo attacco in fuga e, senza aprirla, la consegnerà al giudice che sarà il solo a conoscere,subito dopo la partenza del cane all’attacco,se si tratta di attacco vero o di falso attacco (vedere il processo nelle descrizioni degli attacchi).
Infine il conduttore prenderà in un altro contenitore,il pezzo di legno numerato destinato all’esercizio della ricerca dell’oggetto,lo nasconderà in una delle sue tasche, che dovrà essere vuota.

2 – MESSA IN POSIZIONE COMUNE A TUTTI GLI ESERCIZI

Il conduttore si mette a disposizione del commissario che lo conduce il prossimità del punto di partenza di ciascun esercizio (a circa 3 mt.)
Un condizionamento del cane per l’esercizio è ammesso prima dei tre metri dalla messa in posizione, ma dovrà essere discreto e non potrà più essere fatto dopo il colpo di tromba che segnala la messa in posizione.
Un primo colpo di tromba del giudice autorizza la messa in posizione.
Il conduttore avrà 30 secondi, cronometrati dal giudice,per posizionare il suo cane.Al di là dei questi 30 sec. l’esercizio è annullato. Il conduttore non ha diritto che ad un solo comando di messa in posizione (seduto, a terra, in piedi) secondo il tipo di esercizio.Egli potrà dare, di seguito, un comando facoltativo di fissazione (resta,ecc.)
Tutte le ripetizioni dell’uno o dell’altro comando (di messa in posizione o di fissazione) sono considerate come un comando supplementare, e penalizzate di un punto.
Dopo 5 comandi supplementari, l’esercizio è annullato, anche se i 30 sec. concessi per la messa in posizione non sono ancora trascorsi.
Quando il conduttore ed il suo cane sono nella rispettiva posizione,il giudice darà il segnale di partenza dell’esercizio, ed il conduttore userà l’appropriato comando di partenza, che potrà essere preceduto dal nome del cane.
Tutti i comandi irregolari comporteranno una penalizzazione.

3 – COMANDI DI RICHIAMO A FINE ESERCIZIO
Sono di due tipi: il richiamo a distanza ed il richiamo in prossimità (un metro)
Il richiamo in prossimità è considerato come una ripresa al piede.
Tutti i comandi a distanza possono essere fatti con la voce o con il fischietto.
Il conduttore dovrà comunicare al giudice,al momento della presentazione, il tipo di richiamo a distanza scelto, e mantenerlo per tutta la gara sotto pena di penalizzazione.
Tutti i comandi in prossimità devono essere fatti a voce.
Sia che venga fatto a voce o con il fischietto,il richiamo deve essere breve ed unito. Un comando sdoppiato, cioè non legato,è considerato come un comando supplementare e, come tale, penalizzato.
E’ autorizzato un solo comando di richiamo:ciascun comando supplementare di richiamo è penalizzato. (vedere tabella esercizio per esercizio)
Nel caso di un cane recalcitrante che necessiti di più comandi supplementari,il suo conduttore perderà inoltre dei punti di comportamento generale. (A.G.)
Allo stesso modo, un cane che resti in presa oltre 5 secondi dalla fine dell’esercizio di morso (che sia o no richiamato), perde i 10 punti attribuiti al ritorno, senza contare la perdita di eventuali ulteriori punti di comportamento generale a disposizione del giudice.
Il cane che non sia di ritorno al piede nel tempo concesso,perde ugualmente i 10 punti attribuiti alla cessazione negli esercizi di morso.
In categoria 1 il conduttore potrà lasciare il suo cane in vigilanza dell’H.A. invece di richiamarlo al piede a fine attacco, ma dovrà informarne il giudice al momento della presentazione.

4 –  PRESCRIZIONI GENERALI
COMPORTAMENTO GENERALE (ALLURE GÉNÉRAL) (A.G.)
Se il giudice ritiene che l’esecuzione di un esercizio lasci a desiderare,applicherà una penalità che potrà andare fino al 10% dei punti ottenuti con l’esercizio in oggetto. Farà lo stesso in caso di comportamento scorretto di un concorrente,prima,durante o dopo il suo percorso.La penalizzazione sarà secondo il suo apprezzamento.
Ogni intervento di un concorrente presso la giuria durante il percorso, all’infuori della comunicazione di un malessere di se stesso o del cane,è severamente vietato; esso comporta una penalità di 10 punti di comportamento generale ed, in caso di recidiva,l’esclusione dal concorso.
Le penalità relative al comportamento generale, vengono dedotte dal totale dei punti ottenuti dal concorrente.
In caso di incidente grave, il giudice potrà escludere il concorrente e trattenere il suo libretto di lavoro. Invierà alla competente Commissione Nazionale un rapporto circostanziato dei fatti,ugualmente trasmesso anche al Presidente della società cinofila regionale di appartenenza.

CONDIZIONI PER LA PARTECIPAZIONE AI CONCORSI DI MONDIORING
Il conduttore deve essere in possesso di un libretto di lavoro rilasciato dall’Ente responsabile del suo paese.Sono ammesse tutte le razza canine.
Il cane deve essere titolare di un pedigree rilasciato da una società cinofila riconosciuta dalla Federazione Cinologica Internazionale.
Per debuttare nei concorsi di Mondioring, un cane deve avere una età di almeno 12 mesi.
Prima di poter concorrere in livello 3, un cane deve passare per le seguenti tappe:
-qualificarsi in livello 1 ottenendo 2 volte almeno 160 punti su 200.
-qualificarsi in livello 2 ottenendo 2 volte almeno 240 punti su 300.
Il conduttore,se lo desidera,potrà restare in qualunque livello tutto il tempo che desidera.Fino a quando un cane concorrente in livello 3 non realizzi 300 punti,il suo conduttore è autorizzato a presentarlo ancora in livello 2 ogni volta che lo riterrà utile.
Un cane di Ring potrà debuttare in Mondioring nel livello che pratica nel suo paese. Un cane di Ring che partecipi alle prove nazionali (concorsi selettivi per il campionato nazionale) del suo paese nella categoria più alta,deve iniziare direttamente il Mondioring dal livello 3.
Per seguire le direttive della F.C.I. i maschi che partecipano alle prove di Mondioring, devono avere due testicoli di normale apparenza, completamente discesi nello scroto.
Dopo che il terreno di gara è stato sistemato per il concorso,ne sarà vietato l’accesso ai concorrenti, sotto pena dell’esclusione dal concorso.

CAMPIONATO DEL MONDO DI MONDIORING
Ogni anno, nel 2° week-end di ottobre,una finale riunirà in concorso i migliori cani.
Ogni paese si farà carico di organizzare delle selezioni al fine di designare i conduttori partecipanti a questa finale.Il numero dei concorrenti ammessi per ogni paese sarà definito dall’organizzazione, in accordo con il Groupe de Travail International Mondioring (G.T.I.M.)
Per partecipare al campionato del mondo,il conduttore deve essere residente nel paese che rappresenta.

CAPITOLATO DI APPALTO DEL CAMPIONATO DEL MONDO
Ogni anno, un capitolato di appalto redatto dal GTIM sarà comunicato agli organizzatori, che si impegnano a rispettarlo.Questo capitolato sarà spedito ai vari capi squadra dei paesi impegnati.

GIURIA PER LA FINALE
Tre giudici officeranno obbligatoriamente il momento della finale.Un giudice del paese organizzatore (sarà proposto al GTIM), gli altri due giudici, insieme agli H.A. saranno designati in accordo con il GTIM.

FIGURANTI PER LA FINALE
Tre H.A. sono a disposizione per la categoria 3.
Due di questi tre H.A. saranno designati dalla organizzazione d’accordo con il GTIM e la giuria per lavorare per la categoria 3. L’H.A. di riserva, insieme ad un secondo scelto dagli organizzatori,lavorerà per le categorie 1 e 2.

5 – ORGANIZZAZIONE PER I CONCORSI
Le società che desiderano organizzare un concorso,devono porre in essere la più grande cura nella sua preparazione, senza omettere alcun dettaglio. Esse avvertiranno, nella misura del possibile,l’organo di coordinamento al fine di poter beneficiare della partecipazione di concorrenti stranieri.

GIURIA PER I CONCORSI
La giuria sarà composta da uno o più giudici qualificati, aiutati,nella loro funzione, da H.A. selezionati.
Il tempo di giudizio,per un solo giudice, è di 9 ore al giorno.
La società dovrà ancora scegliere un commissario di ring, molto al corrente del programma e della condotta delle prove.
Uno o due segretari competenti sono indispensabili al buon andamento della segreteria. Un tavolo per la giuria sarà disposto in modo che i giudici possano accedervi facilmente,pur continuando a controllare il lavoro che si svolge sul terreno.
La società organizzatrice dovrà assicurare la partecipazione di almeno due uomini di fatica, per la manovra dei differenti ostacoli, il lancio delle esche,ecc.

TERRENO PER IL CONCORSO
Le dimensioni del terreno di concorso dovranno essere al minimo di mt. 60 x 40, ed avere una superficie massima di 5.000 mq.. Il suolo non deve essere duro, ossia non lastricato né asfaltato. Si avrà cura di sorvegliare che sul terreno non vi sia alcun oggetto che possa ferire il cane.Il terreno deve essere obbligatoriamente recintato.
Per accedere al terreno sono necessari almeno due ingressi, uno per i conduttori accompagnati dal loro cane, l’altro per gli H.A.
L’organizzazione si incarica del tracciamento del terreno.Sarà tracciata ogni partenza d’esercizio.Per l’esercizio della “guardia all’oggetto” dovranno essere tracciate due circonferenze concentriche di raggio 2 e 5 metri. Per i salti, devono essere chiaramente tracciate al suolo delle squadre davanti ad essi: contro la palizzata,contro il salto in lungo e davanti al montante del salto in alto. Per l’esercizio di assenza del conduttore e per quello del rifiuto del cibo, si preveda una feritoia nel nascondiglio ove si porrà il conduttore,perché egli possa guardare il suo cane durante la prova.
Per l’esercizio di invio in avanti,sarà tracciata una linea lunga 20 metri parallela a quella di partenza, limitata da due segnali o bandierine poste alle estremità. A 5 metri all’interno dei segnali,saranno tracciate due perpendicolari lunghe 1 metro, che delimiteranno la zona ottimale da superare.

LOGISTICA DEI CONCORSI
L’organizzazione metterà a disposizione dei giudici i seguenti materiali:
-6 accessori per l’attacco.
-1 ostacolo per l’attacco (vedere regolamento).
-6 nascondigli per la ricerca.
-3 salti (secondo i disegni nel regolamento)
-6 oggetti di riporto (vedere la lista nel regolamento)
-Le esche (vedere regolamento)
-2 pistole con cartucce da 9 mm.
-segnali necessari al falso attacco.
-fogli di punteggio ufficiali.
1 o 2 diversioni per il minuto di assenza.
3 o 4 oggetti di uso comune per la guardia all’oggetto.
L’oggetto per il riporto e l’accessorio per l’attacco saranno scelti dal giudice la mattina del concorso.
Guardia all’oggetto ed attacco: il giudice deve porre attenzione, durante il passaggio del cane in bianco, all’uso dell’accessorio.( questo non deve mai assomigliare all’oggetto della guardia all’oggetto)
L’organizzazione metterà ancora a disposizione un cane in bianco per ciascun livello e per ciascun giorno di concorso.Per i segnali di partenza, l’organizzazione metterà a disposizione una tromba. Il fischietto non potrà essere usato essendo unicamente destinato all’uso da parte del conduttore.
Deve essere attrezzato un locale tale da permettere agli H.A. di nascondersi quando non devono intervenire per il lavoro dei cani.Questo locale deve essere posto ad almeno 5 metri dal terreno, in modo che i cani non possano accorgersi della presenza degli H.A..
Non si può posizionare alcun recipiente contenente dell’acqua né sul terreno né nelle sue immediate vicinanze, per non indurre il cane ad abbandonare il suo lavoro.
Fuori dal terreno,sarà posizionato un nascondiglio perché il conduttore si possa nascondere con il suo cane durante la preparazione dell’esercizio della ricerca.Nel nascondiglio sarà messo a disposizione un recipiente perché egli possa fare bere il cane se lo desidera.

SORTEGGIO
La società organizzatrice procederà ad un sorteggio che stabilirà in quale ordine lavoreranno i concorrenti.
Vi potrà essere ugualmente un sorteggio per l’ordine degli esercizi.Questo sorteggio avrà luogo in presenza dei conduttori.Se qualche concorrente non è presente,il giudice avrà la possibilità di comporre il programma secondo la sua iniziativa.
La presenza di tutti i concorrenti è obbligatoria al percorso del cane in bianco.
Sarà sorteggiata la posizione di partenza (seduto-in piedi-a terra) per l’esercizio delle posizioni.
Un ulteriore sorteggio deciderà se, all’assenza del conduttore, il cane dovrà tenere la posizione di “seduto” od “a terra”.

CANE IN BIANCO
E’ obbligatorio fare passare un cane in bianco prima dell’inizio delle prove, per ogni livello.

ESCHE
Le esche devono essere varie,di dimensioni ragionevoli (al massimo la grossezza di un pugno).
Consisteranno in carne cruda o cotta,ossa,teste di pesce,formaggio,dolci secchi, zucchero, ecc.

BASTONE
Il bastone da usare sarà obbligatoriamente di bambù tagliato a croce.

COMANDI
I comandi sono da dare secondo il regolamento, e possono essere espressi nella lingua del paese d’origine del conduttore.

FOGLI DI GIUDIZIO
Devono essere conformi al modello ufficiale e comprendere tutte le informazioni relative al concorso.
Per ogni categoria è previsto un foglio di giudizio.
Per ogni concorso saranno previsti tre fogli per cane, di cui uno originale e due copie.
L’originale è consegnato al giudice,una copia è consegnata al concorrente al momento della proclamazione dei risultati,la seconda copia è riservata al club organizzatore.

6 – FUNZIONI E DOVERI DEI GIUDICI
I giudici abilitati a dirigere un concorso sono designati dall’organismo ufficiale di ciascun paese partecipante.Se la giuria è composta da più membri,questi giudicheranno insieme e non separatamente.Essi devono avere la completa padronanza del regolamento e conformarsi ad esso.
I giudici avranno tutta la libertà di apprezzamento, e dovranno in particolare modulare il lavoro dei loro H.A. in funzione dei livelli 1,2 e 3. Essi devono applicare le penalità previste per gli errori ben definiti,nella più stretta osservanza del regolamento.Ogni penalità corrisponde ad un errore,o ad una insufficienza del cane o ad una infrazione commessa dal conduttore.Queste penalizzazioni devono essere conosciute da tutti i conduttori, anche debuttanti,che non possono avere la pretesa di concorrere senza aver preso conoscenza del regolamento e delle sue prescrizioni.
Le decisioni della giuria sono sovrane per tutti i casi non previsti dal regolamento. Solo i giudici hanno la direzione delle prove.Tutti gli esercizi devono essere eseguiti sulle loro indicazioni,essi daranno, usando la tromba,i segnali dell’ inizio e della fine di ogni esercizio. I giudici controlleranno affinché tutti gli esercizi possano svolgersi nello stesso modo per tutti i cani,l’uguaglianza delle circostanze deve essere la stessa per tutti i concorrenti.
Dopo ogni esercizio,il giudice annuncerà immediatamente il punteggio in modo udibile da tutto il pubblico. I giudici sommeranno i punti ottenuti dal cane e firmeranno il foglio dei giudizi.
Dopo il passaggio del cane, il foglio di giudizio sarà affisso nel quarto d’ora successivo.

 

IV – ESERCIZI DI UBBIDIENZA

CONDOTTA AL PIEDE SENZA GUINZAGLIO:  Punti 6
Descrizione dell’esercizio:
Vedere le prescrizioni di messa in posizione comune a tutti gli esercizi.
Il conduttore seguirà un tragitto (il percorso della condotta al piede deve essere semplice) indicato dal giudice o dal commissario,che comprenderà tre cambiamenti di direzione ad angolo retto od acuto,un dietro-front e due arresti.Agli arresti,le posizioni sono libere. I cambiamenti di direzione e gli arresti saranno eseguiti al segnale del giudice. I cambiamenti di direzione devono essere segnalati dal commissario,se il conduttore non li esegue,vi è un errore di percorso,penalizzabile alla A.G.

PENALITA’:
Il cane sorpassa,si scarta o ritarda leggermente, per volta – 0,5
(sia che avvenga in rettilineo,su un angolo,all’arresto,al dietro-front)
Il cane abbandona o non segue il conduttore – 6

ASSENZA DEL CONDUTTORE:  Punti 10
Descrizione dell’esercizio:
Vedere le prescrizioni di messa in posizione comune a tutti gli esercizi.
Il cane sarà posizionato nel luogo indicato dal giudice, in posizione a terra per le categorie 1 e 2.In categoria 3 la posizione sarà sorteggiata (seduto od a terra). Il giudice potrà cambiare il luogo di posizionamento durante il concorso in dipendenza dello stato del terreno e delle condizioni atmosferiche.
L’assenza del conduttore sarà di un minuto,a cominciare dal suo ingresso nel nascondiglio prescelto.Il conduttore non potrà voltarsi durante il tragitto verso il nascondiglio,né al suo ingresso.
Durante l’assenza verrà prodotta una diversione, a fronte della quale il cane dovrà restare indifferente,senza muoversi né cambiare posizione.La diversione sarà proporzionale al livello.Essa non prenderà mai la forma di una aggressione ,né di una provocazione.E’ proibito l’intervento dell’H.A..Non dovrà mai avere luogo a meno di 5 mt. in categoria 3 ed a meno di 10 metri in categoria 1 e 2.

PENALITA’:
Il cane cambia posizione durante il minuto di assenza – 10

O durante il tragitto del concorrente al nascondiglio – 10
Il cane si sposta senza cambiare posizione ­ per metro – 1
Il cane cambia di posizione al ritorno del conduttore – 2
Il conduttore si fa vedere dal cane durante l’esercizio – 10
Tutti i comandi irregolari -10
Il conduttore si volta o guarda il cane durante il tragitto od all’entrata del nascondiglio – 10

INVIO IN AVANTI:  Punti 12
Punti attribuiti:
Nella zona ottimale 12 punti
Fra il segnale esterno e la perpendicolare 8 punti
All’esterno del segnale 4 punti

Caratteristiche dell’esercizio
Il cane dovrà attraversare una linea di arrivo, parallela al quella di partenza, della lunghezza di 20 mt. delimitata da due segnali posti alle sue estremità. A 5 metri all’interno dei segnali,sono tracciate due perpendicolari di 1 mt. delimitanti la zona ottimale di attraversamento.
Questa linea sarà posta a 20 ­ 30 ­ 40 mt. dalla partenza, secondo le categorie 1-2-3.

Relazione dell’esercizio.
Vedere le prescrizioni di messa in posizione comuni a tutti gli esercizi.
Il cane sarà posizionato dietro la linea di partenza, su un punto centrale marcato da una perpendicolare.Al segnale del giudice,il conduttore comanderà “in avanti”, il cane dovrà andare diritto davanti al lui ed attraversare la linea di arrivo. Quando il cane avrà attraversato la linea di arrivo, il suo conduttore lo richiamerà subito al piede.

PENALITA’:
Comando dato con la voce e con gesto – 2
Comando supplementare di invio ­ ciascuno – 4
Il cane procede a zig-zag ­ per angolo – 1
Il cane accenna al ritorno prima del comando ­ per volta – 2
Partenza anticipata:
prima della autorizzazione del giudice – 4
dopo l’autorizzazione del giudice – 2
Il cane non attraversa la linea di arrivo – 12
Richiamo supplementare (uno solo) – 2
Tempo concesso per il ritorno al piede: 20 sec.

POSIZIONI:  Categoria 2 e 3:  Punti 20
  Categoria 1:  Punti 10
Punti attribuiti: Categoria 1 Categoria 2 e 3
Per le 3 (3x3p), oppure 6 (6x3p) posizioni eseguite 9 pt. 18 pt.
Per il richiamo al piede al termine dell’esercizio  1 pt. 2 pt.

Descrizione dell’esercizio:
L’esercizio sarà svolto al suolo, il cane ed il conduttore si devono obbligatoriamente vedere, alla distanza di 5, 10 o 15 metri secondo la categoria 1 ­ 2 ­ 3. Il nome del cane davanti al comando della posizione è tollerato,ma dovrà essere unito al comando (sennò vi è un doppio comando). Il comando può essere preceduto dal nome del cane.
Per ogni posizione il conduttore ha diritto a due comandi supplementari.Se dopo il secondo comando il cane non ha eseguito la posizione,l’esercizio è terminato,ed i punti già acquisiti restano tali.Il cane che anticipa una posizione, ha una posizione in meno (quella che ha lasciato).Può eventualmente perderne un’altra se quella che ha assunto corrisponde alla posizione seguente. Per evitare che il cane ottemperi ad una indicazione del commissario data troppo forte, si propone di utilizzare il sistema del triangolo di segnalazione, ove ciascuno dei tre lati indica una posizione dipinta in uno schema, usato in “obedience”.

Relazione dell’esercizio.
Vedere le prescrizioni di messa in posizione comuni a tutti gli esercizi.
Il conduttore si posiziona con il suo cane seduto sul punto di partenza, comanda la posizione iniziale al segnale del giudice e si allontana dopo un comando di fissazione.Il conduttore dovrà sempre poter vedere il suo cane durante l’esecuzione dell’esercizio.
Alla partenza il cane sarà posizionato seduto,in piedi od a terra su indicazione del giudice.
In categoria 1 le tre posizioni saranno eseguite una volta ciascuna.
In categoria 2 e 3 le tre posizioni saranno eseguite due volte ciascuna, nell’ordine suggerito dal commissario.

PENALITA’: Categoria 1 Categoria 2 e 3
Il cane cambia posizione alla partenza – 2 – 2
Il cane non esegue la posizione richiesta – 3 – 3
Il cane ritorna dal conduttore prima della fine dell’esercizio, perde i punti del richiamo, ma
conserva i punti acquisiti con le posizioni eseguite
– 1 – 2
(Fatta la deduzione per i metri di avanzamento durante le posizioni)    

RIFIUTO DEL CIBO: Categoria 2 e 3: Punti 10
  Categoria 1: Punti 5

Caratteristiche dell’esercizio:
Sei esche di differente natura saranno posizionate sul terreno in categoria 2 e 3 secondo le prescrizioni del giudice.Non ci saranno esche al suolo nella categoria 1.
E’ vietato posizionare un’esca al suolo a meno di 5 metri dal luogo scelto per deporre i legnetti nell’esercizio della ricerca di un oggetto, ed all’interno del cerchio di 2 mt. di raggio delimitante l’esercizio della guardia all’oggetto.
Il rifiuto del cibo è un esercizio specifico, e non può eseguirsi durante un altro esercizio.

Descrizione dell’esercizio:
Vedere le prescrizioni di messa in posizione comuni a tutti gli esercizi.
Vi sarà una sola esca lanciata in categoria 1 e due esche lanciate in categoria 2 e 3 (più o meno separatamente), durante gli esercizi di ubbidienza nel luogo ed al momento decisi dal giudice, che saranno gli stessi per tutti i cani.

PENALITA’: Categoria 1 Categoria 2 e 3
Il cane lecca,mangia o prende in bocca un’esca
( lanciata od al suolo)
– 5 – 10
Il cane si allontana dall’esca lanciata ­ per metro – 1 – 1
Il conduttore interviene o si interpone – 5 – 10
Il cane si sposta durante il lancio dell’esca
fino a tre metri -1pt. per metro ­ oltre i tre metri
– 5 – 10
Il cane si sposta al ritorno del conduttore – 2 – 2

RIPORTO DELL’OGGETTO LANCIATO:  Punti 12
Caratteristiche dell’esercizio:
Il tempo accordato per il riporto è di 15 secondi.
L’oggetto sarà sorteggiato prima dell’inizio delle prove , dalla lista presentata al giudice, (manubrio, birillo, salamotto, bottiglia di plastica, piccolo sacco, pneumatico di carrozzina, ecc.).Questi oggetti devono permettere la presa in bocca del cane e pesare un massimo di 1 Kg..Sono proibiti gli oggetti metallici e di vetro.

Descrizione dell’esercizio:
Vedere le prescrizioni di messa in posizione comuni a tutti gli esercizi.
Su segnale del giudice l’oggetto dovrà essere lanciato ad almeno 5 metri dal cane.
Dopo l’autorizzazione del giudice,il conduttore può comandare il suo cane di riportare l’oggetto.Un solo
comando di riporto è autorizzato.
Il conduttore aspetterà il segnale di fine esercizio per lasciare la sua posizione.

PENALITA’:
Comando supplementare od irregolare – 12
Comando dato con la voce e con il gesto – 2
Oggetto riportato fuori tempo – 12
Partenza anticipata:
prima della autorizzazione del giudice – 4
dopo l’autorizzazione del giudice – 2
Il cane mastica o gioca con l’oggetto -1
Il cane lascia cadere l’oggetto durante il riporto ­ per volta – 1
Il cane consegna l’oggetto non seduto -1

RICERCA DI UN OGGETTO: Categoria 2 e 3: Punti 15
Caratteristiche dell’esercizio:
Tempo accordato: 1 minuto.
L’oggetto utilizzato sarà un legnetto vergine numerato, di circa 15 cm di lunghezza e 2 x 2 cm di sezione, scelto dal conduttore fra altri identici e tutti numerati.Il conduttore prenderà il legnetto all’inizio del percorso.Il conduttore metterà in una tasca tale oggetto,senza presentarlo al cane, durante la sua presentazione al tavolo della giuria, indicandone il numero al giudice.Tutti i concorrenti dovranno conservare l’oggetto per lo stesso lasso di tempo.Altri oggetti identici, ma non numerati,sono destinati ad essere depositati in prossimità di quello del concorrente. L’oggetto dovrà essere depositato dal conduttore con la schiena al cane,senza mostrarglielo.Il legnetto deve logicamente essere accessibile.E’ proibita ogni diversione durante l’esercizio. I legnetti di diversione presi in bocca dal cane, devono essere sostituiti per l’esercizio di un altro cane. I legnetti di diversione sono posti su un piatto a fine esercizio, per evitare troppe manipolazioni.

Descrizione dell’esercizio:
Vedere le prescrizioni della messa in posizione comuni a tutti gli esercizi.
Ciascun conduttore metterà il suo cane in posizione nel luogo indicato dal commissario, prima di andare a depositare l’oggetto, a vista del cane,a 30 metri, in un quadrato teorico di un metro di lato.
Mentre il conduttore ritorna dal suo cane, altri oggetti identici non numerati saranno posti in prossimità del primo (minimo a 25 cm.) all’interno del quadrato.Il numero dei nuovi oggetti ( 3 oppure 4) sarà proporzionale alla categoria ( 2 oppure 3).
Al segnale del giudice, il conduttore invierà il suo cane alla ricerca dell’oggetto, al comando ” cerca e porta”.
Un solo comando a voce è autorizzato.Il conduttore avrà la facoltà di fare annusare le sue mani al cane
prima di dargli l’ordine, affinché il cane comprenda bene la natura dell’esercizio richiestogli.
Il conduttore consegnerà al commissario l’oggetto riportato dal cane. per il controllo del giudice.

PENALITA’:
Comando con la voce e con il gesto – 2
Comando supplementare di invio – 2
Oggetto non riportato o riportato fuori tempo – 15
Partenza anticipata:
prima della autorizzazione del giudice – 4
dopo l’autorizzazione del giudice – 2
Il cane mastica – 1
Il cane lascia cadere l’oggetto durante il riporto ­ per volta – 1
Il cane consegna l’oggetto non seduto – 1
Il cane lascia il suo posto al di là di un raggio di 2 metri
prima del ritorno del conduttore – 15
Il cane si sposta in un raggio di due metri -. per metro – 1
Il cane sbaglia oggetto – 15

 

V – ESERCIZI DI SALTO

In categoria 1 il conduttore potrà scegliere l’uno o l’altro dei tre salti.Lo dovrà dichiarare al giudice al momento della presentazione.In categoria 2 il salto in alto è obbligatorio ( 20 punti). Ma una scelta può essere fatta fra la palizzata ( 2,10 mt a 15 pt.) ed il salto in lungo ( 3,50 mt. a 15 pt.)

Vedere le prescrizioni di messa in posizione comuni a tutti gli esercizi.
Le direttive che seguono, valgono per i tre esercizi di salto (palizzata-salto in lungo-salto in alto)
Il conduttore posiziona il suo cane alla distanza dall’ostacolo che crede più opportuna.
Egli va subito a raggiungere il suo posto a sinistra od a destra, nella squadra tracciata al suolo a tale proposito contro la palizzata,contro il salto in lungo e davanti al montante del salto in alto.
Se il cane lascia la sua posizione prima del tentativo di salto, in modo tale che il conduttore sia obbligato di rimetterlo di nuovo nella stessa posizione,egli avrà perso un tentativo più la penalità.
Il cane ha diritto a tre tentativi in tutto e per tutto per la palizzata ed il salto in lungo che comportano solo il salto di andata.
Per il salto in alto il cane disporrà di tre tentativi in totale per l’andata o per il ritorno.Nel caso di fallimento o rifiuto del salto di ritorno,il conduttore riposizionerà il suo cane nel posto esatto dove si era bloccato,prima di rimettersi in posizione davanti al montante, ed attenderà il segnale del giudice per comandare il suo cane.
In caso di fallimento, qualunque sia il salto,il conduttore non può richiedere una altezza inferiore o superiore.
Il comando di salto sarà dato solo a voce.Tutti i gesti di accompagnamento o movimenti del corpo saranno penalizzati. Ma il conduttore potrà seguire il suo cane con lo sguardo, in una postura naturale, senza irrigidirsi.
Dopo l’esecuzione del salto (qualunque sia) il conduttore avrà diritto ad un comando (facoltativo) di ritorno al piede o di bloccaggio dietro l’ostacolo. Se il conduttore dà un comando di bloccaggio, deve andare obbligatoriamente a riprendersi il cane, in caso contrario, il cane avrà 10 secondi per tornare al piede, con o senza comando,altrimenti sarà penalizzato.
Sarà ugualmente penalizzato se non si blocca dietro il salto nonostante il comando.Il conduttore attenderà il colpo di tromba di fine esercizio per lasciare l’ostacolo.
Il conduttore non potrà presentare i salti al suo cane.

SALTO DELLA PALIZZATA: Punti 15

Altezze e Punteggi 1,80 m. 1,90 m . 2,00 m.  2,10 m.  2,20 m.

 2,30 m.

Categoria 1 15         

 

Categoria 2 12  13  14  15  

 

Categoria 3  7  11  13 

15

In categoria 1 altezza unica di mt. 1,80 con 15 punti.


Caratteristiche dell’esercizio:
La palizzata è costituita alla base, da un pannello fisso pieno, fino ad 1mt.,poi da assi sovrapposte di 10 cm di altezza ciascuna, spessore 27-30 mm, non piallate.La palizzata potrà avere una larghezza da 1,50 a 1,90 mt.E’ munita,per la discesa del cane,da un piano inclinato costituito da assi assemblati fissato al montante a mt. 1,70, ed al suolo a mt. 1.20 circa dalla perpendicolare.Dei listelli posti sul piano inclinato ogni 30 cm freneranno la discesa del cane.Il piano inclinato servirà anche di sostegno alla palizzata.Non è previsto il salto di ritorno, quindi l’attrezzo non sarà recintato.

SALTO IN LUNGO: Categoria 3 Categoria 1 e 2
  Punti 20 Punti 15

Lunghezza (m.) e Punteggi  3,00  3,50

 4,00

Categoria 1 15  

 

Categoria 2 10  15

 

Categoria 3 12 16

20

In categoria 1 lunghezza unica di mt. 3,00 con 15 punti.

Caratteristiche dell’esercizio:
Questo ostacolo non comprende la fossa.
E’ costituito da una cornice formata da tre plance. L’una lunga 2 mt. ed alta 10 cm.piazzata sul davanti, si innesta nelle due plance di lato,lunghe ciascuna 3 mt., di altezza 10 cm all’inizio e 20 cm. all’altra estremità, il tutto assemblato da un telaio metallico appoggiato al suolo per impedirle di muoversi.
La cornice sarà dotata di bande elastiche colorate, tese ad un intervallo di 30 cm.trasversali alla lunghezza dei lati.
Il cane dovrà,senza scendere nella cornice,saltare oltre una plancia basculante lunga mt. 1,95 e larga 1 mt., di forma trapezoidale, che le permetta di essere più o meno inserita nella cornice senza toccarne i lati.Si può così ottenere un salto lungo da 3,00 a 3,50 mt. Per realizzare un salto di 4,00 mt,sarà sufficiente estrarre completamente la bascula dalla cornice.La plancia basculante deve essere realizzata in modo che la parte inferiore tocchi terra e quella superiore sia a 30 cm. dal suolo.
Il cane che discende nella cornice prima di saltare la bascula è penalizzato di 4 punti,più la perdita di un tentativo,equivalente ad un rifiuto.Egli dovrà ricominciare il salto.

SALTO IN ALTO: Categoria 1 Categoria 2 e 3
  Punti 15 Punti 20

Altezza (m.) e Punteggi  1,00  1,10

 1,20

Categoria 1 (2 x 7,5 p) 15  

 

Categoria 2 e 3 (2 x 10 p) 12  16

 20

In categoria 1 altezza unica di mt. 1,00 con 15 punti.

Caratteristiche dell’esercizio:
Il salto in alto è costituito da un pannello mobile munito di perni, largo mt. 1,50 ed alto 0,60 ,posizionato su un telaio saldato ai supporti. Questo pannello è sormontato da un altro pannello rotante su sé stesso alto cm.30.Esso deve cedere al mino tocco e non presentare alcun pericolo per il cane. L’insieme deve permettere di regolarne l’altezza secondo le previsioni.Non vi sarà un fosso né davanti né dietro l’ostacolo.

Descrizione dell’esercizio:
Quando il cane abbia superato l’ostacolo all’andata,il conduttore ha diritto ad un solo comando a voce per bloccare il suo cane.Se il comando è dato con voce e gesto,sarà penalizzato di 2 punti.
Al segnale del giudice autorizzante il ritorno,il conduttore avrà diritto ad un solo comando di messa in posizione,che potrà essere dato con la voce e con il gesto.Tutti i comandi supplementari di bloccaggio o di messa in posizione,saranno penalizzati.
Dopo il salto di ritorno, il conduttore ha diritto ad un solo comando (facoltativo) di richiamo al piede.

PENALITA’ COMUNI AI TRE SALTI:
Partenza anticipata prima dell’autorizzazione del giudice (più la perdita di un tentativo) – 4
Partenza anticipata dopo l’autorizzazione – 2
Comando dato a voce e con gesto – 2
Rifiuto o fuga, andata o ritorno – 4
Errore, andata o ritorno – 2
Il cane non si blocca dopo l’ostacolo (se vi è un comando di bloccaggio) – 2
Tutti i comandi supplementari di bloccaggio,messa in posizione,richiamo – 2
Comando supplementare di invio – 5
Il cane non ritorna al piede in 10 secondi – 2
Tutti i comandi irregolari perdita dei punti afferenti
Penalità particolari del salto in alto:
Comando a voce e gesto per bloccare il cane dopo il salto di andata – 2
Il cane tocca il salto all’andata od al ritorno – 1
Il cane si appoggia sul salto, senza farlo cadere – 2


VI – ESERCIZI DI DIFESA

ATTACCO FRONTALE CON BASTONE: Categoria 1 senza ostacolo
  Punti 50  
  Categoria 2 con ostacolo
  Punti 40  
  Categoria 3 con ostacolo
  Punti 50  

     
SCOMPOSIZIONE DEL PUNTEGGIO: Partenza  Punti 10
  Attacco   Punti 30 (Punti 20 in Categ. 2)
  Cessazione e ritorno   Punti 10
CARATTERISTICHE DELL’ESERCIZIO: Durata del morso 10 secondi
  Distanza 30 mt. (Categoria 1)
    40 mt. (Categoria 2)
    50 mt. Categoria 3)

Sono autorizzati:
Sbarramenti,opposizioni,minacce,intimidazioni,carica sul cane (due passi al massimo),schivate durante l’attacco se il cane si sgancia. Può essere utilizzato un accessorio al posto del bastone,solo nell’attacco con ostacolo.In categoria 1 il braccio deve essere lasciato accessibile al morso del cane.
Sono vietati:
La schivata all’entrata, i colpi sul cane,tutti i gesti o comportamenti dell’H.A. che rischino di causare un dolore al cane:se ciò avvenisse, l’H.A. sarà immediatamente escluso dal terreno e sarà passibile di un rapporto.
Ostacoli:
Vasche o recipienti d’acqua (in plastica) con altezza massima dell’acqua di 20 cm.
Balle di paglia.
Fila di pneumatici fissati in verticale.
Tende a bande verticali sotto portico. Reti.
Salvo che per i recipienti d’acqua o gli ostacoli piatti di altezza massima di 25 cm.,gli altri ostacoli non potranno superare 80 cm. di larghezza. I pneumatici,le balle di paglia o le reti,non potranno essere alti più di 80 cm.La lunghezza dell’ostacolo sarà da 8 a 10 mt. Esso deve permettere di giudicare l’attitudine del cane quando parte all’attacco.Nessun tipo di ostacolo dovrà rischiare di ferire il cane o di fargli del male.Nello spirito di questo esercizio, l’ostacolo è destinato a rallentare la corsa del cane,al fine di valutare il suo coraggio di fronte ad un accessorio od al bastone, affrontato a velocità ridotta. L’intenzione di collegare l’ostacolo ad un rallentamento del cane deve sempre essere rispetta, e non presentare mai alcun pericolo.L’H.A. dovrà posizionarsi ad almeno tre metri dietro l’ostacolo, al centro della sua lunghezza.

Descrizione dell’esercizio:
Vedere le prescrizioni di messa in posizione comuni a tutti gli esercizi.
Perché non si generi mai confusione nella mente del cane quando l’obbiettivo che gli si richiede è di attaccare, l’H.A. se si trova dietro l’ostacolo prima della partenza del cane, dovrà fare in modo di segnalarsi.
All’occorrenza il giudice farà partire l’H.A. da 10 o 20 mt., poi autorizzerà l’invio del cane quando l’H.A. sarà dietro l’ostacolo.Per mettersi in posizione, l’H.A. dovrà attraversare l’ostacolo ogni volta che gli sarà possibile.
L’H.A. si dovrà trovare dai 3 ai 5 metri dopo l’ostacolo,in funzione della velocità del cane, per evitare un impatto troppo forte e mantenere lo spirito del regolamento.
L’H.A. non si immobilizzerà che al comando di cessazione,l’immobilità deve essere immediata ed assoluta.

PENALITA’: Categoria 1 e 3 Categoria 2
Partenza anticipata prima della autorizzazione del giudice
(in aggiunta ­ 5 punti di A.G.)
-10 – 10
Seconda partenza anticipata prima della autorizzazione del giudice – 50 – 40
Partenza anticipata dopo l’autorizzazione del giudice – 5 – 5
Comando supplementare di invio all’attacco (uno solo autorizzato) – 10 – 10
Tutti i comportamenti irregolari prima o durante l’esercizio – 50 – 40
Per secondo non in presa – 3 – 2
Per cambiamento di presa rapido – 1 – 1
Per ogni secondo supplementare di presa alla cessazione
(E’ concessa una franchigia di un secondo al cane per staccarsi)
– 2 – 2
Colpo di dente supplementare dopo la cessazione – 2 – 2
Comando supplementare di richiamo (solo uno concesso) – 5 – 5
Richiamo con il cane non in presa (più i secondi non in presa) – 5 – 5
Il cane non torna al piede nei 30 secondi – 10 – 10
Tutti i comportamenti irregolari dopo la cessazione – 10 – 10
Il cane non parte all’attacco o non morde
(In questo caso il cane non potrà eseguire il falso attacco oppure
perderà i corrispondenti punti se già eseguito)
– 50 – 50
Il conduttore abbandona la linea di partenza durante l’esercizio
(E’ autorizzato uno spostamento laterale del conduttore dietro la linea se necessario perché si possa vedere il cane,ma l’immobilizzazione è obbligatoria alla cessazione)
– 50 – 40
Il conduttore utilizza l’attacco del concorso come allenamento – 50 – 40
Il cane esita davanti all’ostacolo – 5 – 5
Il cane aggira l’ostacolo
( il cane che aggiri l’ostacolo al ritorno non sarà penalizzato)
– 15 – 10

 

ATTACCO FRONTALE CON ACCESSORI: Categoria 2 Categoria 3
  Punti 40 Punti 50

Caratteristiche dell’esercizio:
Distanza: 30 metri.
Tutte le prescrizioni relative a questo attacco sono identiche a quelle dell’attacco frontale con il bastone.
Accessori autorizzati: (essi sono unicamente destinati ad impressionare il cane) Fronde, raganelle, stracci, giornali, Sacchi di pezzi di polistirolo, bottiglie d’acqua in plastica piene o vuote
Tutti gli utensili rumorosi ma inoffensivi.
L’accessorio utilizzato per questo attacco,non dovrà coprire completamente il cane durante la presa.

Descrizione dell’esercizio: (identica a quella dell’attacco frontale con il bastone)
Per l’attacco, l’H.A. deve utilizzare l’accessorio per testare il coraggio del cane, ma non deve utilizzarlo per provare a schivarlo.

Penalità: (identiche a quelle dell’attacco frontale con il bastone)

 

ATTACCO IN FUGA: Categoria 1 Categoria 2 e 3
  Punti 50 Punti 30
SCOMPOSIZIONE DEL PUNTEGGIO:   Categoria 1 Categoria 2 e 3
  Partenza Punti 10 Punti 10
  Attacco Punti 20 Punti 10
  Cessazione e Ritorno Punti 10 Punti 10

Caratteristiche dell’esercizio:
Distanza: da 30 a 40 metri.
Durata del morso: 10 secondi.

Descrizione dell’esercizio:
Vedere prescrizioni generali della messa in posizione.
L’H.A. fuggirà senza voltarsi né cercare di schivare il cane.Sarà armato di revolver e sparerà due colpi durante la presa del cane.
Si difenderà vigorosamente ma senza brutalità, per testare il morso del cane.
Si immobilizzerà totalmente ed istantaneamente al comando di cessazione del conduttore.

Penalità: identiche a quelle dell’attacco frontale con il bastone.

 

FALSO ATTACCO IN FUGA:   Categoria 3 Punti 30
SCOMPOSIZIONE DEL PUNTEGGIO:
Partenza 10 punti
Attacco 20 punti
Il falso attacco sarà giudicato sul terzo dei punti di morso ottenuti negli altri attacchi frontali (totale di base:
30 + 30= 60 : 3 + i punti di partenza ­ vedere gli esempi seguenti)

Caratteristiche dell’esercizio:
Ciascun conduttore avrà sorteggiato,per il proprio cane,l’ordine dei due attacchi in fuga.Il risultato di questo
sorteggio è conosciuto solo dal giudice. L’H.A. ignora se si tratta del falso attacco.
Il falso attacco non potrà essere eseguito se in un attacco di morso, quale che sia,il cane non ha morso.In
questo caso, se il falso attacco è già stato eseguito,sarà annullato.

Descrizione dell’esercizio:
Vedere le prescrizioni generali di messa in posizione.
Qualora si tratti del falso attacco,l’incaricato, su segnalazione del giudice,esporrà un segnale rosso dopo la partenza del cane, mentre per il normale attacco in fuga,esporrà un segnale verde.
Per il falso attacco,il commissario toccherà la spalla del conduttore un secondo dopo la partenza del cane, affinché gli comandi di non mordere..
L’H.A. continuerà la fuga dopo il comando di richiamo,senza cambiare atteggiamento,né provocare il cane, né sparando con il revolver.

PENALITA’:
Partenza (vedere le penalità degli altri attacchi)
Il cane morde – 30
Richiamo a tre metri dall’H.A. nessuna penalità
Per metro supplementare – 2
Comando di richiamo supplementare (uno solo autorizzato se il cane ritorna in un raggio di 5 mt. dal conduttore) – 5
Se il richiamo supplementare avviene con il cane fuori del raggio di 5 mt. – 20
(si ha un richiamo supplementare vietato ­ si conservano i punti della partenza)

1° esempio: punti ottenuti 28 + 26 = 54 : 3 = 18
punti della partenza + 10
punteggio massimo = 28
distanza di richiamo: 5mt. – 4
Punteggio del falso attacco = 24 punti

2° esempio: punti ottenuti 30 + 30 = 60 : 3 = 20
partenza antic,prima aut. + 5
punteggio massimo = 25
distanza di richiamo < 3 mt. 0
Punteggio del falso attacco = 25 punti

3° esempio: punti ottenuti 30 + 30 = 60 : 3 = 20
punti della partenza + 10
punteggio massimo = 30
distanza di richiamo : 4 mt. – 2
non ritorno nel raggio di 5 mt. ­ 20
Punteggio del falso attacco = 10 punti

 

RICERCA E SCORTA: Categoria 2 e 3 Punti 40
Scomposizione dei punteggi:
scoperta: 10 punti
scorta 30 punti

Caratteristiche dell’esercizio:
Numero dei nascondigli: 6 fissi più uno mobile a disposizione del giudice.
Tempo stabilito per la scoperta e l’abbaio: da 2 a 3 minuti secondo la stima del giudice in relazione alla superficie del terreno.E’ importante che il giudice od un membro della giuria sia posizionato nelle vicinanze, per osservare cosa accade nel nascondiglio dell’H.A. In effetti,se il cane non sta in vigilanza,il giudice farà fuggire l’H.A. ed i metri di fuga saranno conteggiati. L’H.A. dovrà assolutamente seguire il percorso indicato dal giudice, per mettere tutti i cani nella stessa condizione.La sua marcia dovrà essere naturale e la sua attitudine per quanto possibile identica per tutti i cani, senza provocazioni da parte sua. Tenterà di fuggire per tre volte,di sua iniziativa, in funzione del comportamento e della vigilanza del cane, indipendentemente dalla fuga eventualmente ordinata dal nascondiglio.In caso di mancata vigilanza dopo la terza fuga, il giudice può sanzionare tale attitudine e richiedere una fuga supplementare.
La scorta deve mettere in evidenza la capacità del cane di impedire al malfattore di fuggire e quest’ultimo deve immedesimarsi nella situazione di un prigioniero che tenti la fuga.
Durante il cane in bianco, il giudice impone all’H.A. le attitudini ed il comportamento,definisce il percorso e controlla la buona corrispondenza fra lo spirito dell’esercizio e la sua esecuzione.
E’ vietata l’utilizzazione dei salti per agevolare le fughe.
Alcuni ostacoli possono essere utilizzati per diversione durante la condotta, ma non dovranno mai essere usati per più di due fughe.
Sono vietati i comandi di fissazione durante le cessazioni delle fughe. Il comando di cessazione è costituito dal nome del cane seguito da un’altra parola a scelta del conduttore.

Descrizione dell’esercizio:
Vedere le prescrizioni generali di messa in posizione.
Il cane ed il suo conduttore usciranno dal terreno sotto la giuda del commissario. Torneranno dopo il colpo di tromba del giudice, quando l’H.A. sarà nascosto.
Dopo la scoperta, se il cane è in vigilanza,il conduttore verrà personalmente,su autorizzazione del giudice,a
fare uscire l’H.A. dal nascondiglio. Dovrà avvicinarsi allo stesso senza cambiare andatura.Se il conduttore di
avvicina al nascondiglio correndo,sarà penalizzato nel comportamento generale.
Per contro,se il cane esce dalla zona di vigilanza tracciata al suolo,il giudice potrà far fuggire il figurante.Se il
cane non ha scoperto nel tempo concesso,l’esercizio sarà annullato.Se il cane scopre ma non abbaia nel
tempo concesso,perde i punti della scoperta,ma il suo conduttore,su segnale del giudice, verrà a
raggiungerlo al nascondiglio per proseguire l’esercizio.Fino a che il cane non abbia segnalato, abbaiando,la
presenza dell’H.A., il giudice non potrà far uscire il figurante dal nascondiglio, anche se il cane passa davanti
all’H.A. e continua la sua ricerca.Gli sarà concesso il tempo regolamentare per la ricerca.Se il cane ritorna
dal suo conduttore, in un raggio di 3 metri, prima del termine del tempo regolamentare,questi potrà dare un
secondo comando di ricerca,che sarà penalizzato.Se il cane morde l’H.A. nel nascondiglio, che abbia o
meno abbaiato,perde 5 punti.Se il cane avverte il suo padrone senza avere scoperto l’H.A., è penalizzato di
5 punti.
Durante il percorso, l’H.A. potrà usare delle schivate durante i tentativi di fuga per provare a scappare e
realizzare la maggior distanza possibile fra sé ed il cane.Non vi saranno metri di franchigia per le fughe.Egli
non si fermerà nei tentativi di fuga fino al comando del conduttore sul colpo di tromba del giudice, circa tre
secondi dopo la presa. I metri di fuga con il cane in presa,non saranno penalizzati. Ma se il cane lascia la
presa prima del comando del conduttore,l’H.A. continuerà a scappare. L’H.A. non potrà riprendere la
marcia,dopo una cessazione se non al segnale del giudice.Durante tutta la scorta, il conduttore si manterrà
ad almeno tre metri dal figurante, dietro o di lato, ma mai davanti.Il giudice indicherà la fine dell’esercizio con
un colpo di tromba ripetuto. Il conduttore comanderà “alt” e l’H.A. si immobilizzerà. A seguito dell’arresto
della condotta, il cane effettuerà una vigilanza da fermo, con le penalità identiche a quella della difesa del
conduttore.Il conduttore richiamerà il suo cane al piede e si rimetterà a disposizione del commissario.

PENALITA’ RELATIVE ALLA RICERCA E ALLA SCORTA:
Comando supplementare di invio -10
Il cane non parte malgrado il secondo comando – 40
Il cane non scopre nel tempo – 40
Il cane non abbaia nel tempo – 40
Il cane morde nel nascondiglio – 5
Il cane non è vigilante nel nascondiglio ­ per mt. di fuga – 1
Il conduttore si avvia correndo al nascondiglio ( – 2 al comportamento generale)
Colpo di denti durante la scorta od alla cessazione ­ ciascuno – 2
Comando supplementare di cessazione ­ ciascuno – 2
Il cane lascia fuggire l’H.A. ­ per metro – 1
Il conduttore non resta ad almeno tre metri durante la scorta – 10
Il conduttore ostacola il figurante durante la fuga – 3
Il cane non vigila da fermo per 5 secondi – 5
Il cane avvisa il suo padrone senza avere scoperto – 5

DIFESA DEL CONDUTTORE: Punti 30
Caratteristiche dell’esercizio:
Durata della difesa: 10 secondi.
Questo esercizio sarà determinato da cinque principi:
Vi sarà sempre un incontro preliminare con una stretta di mano fra l’H.A. ed il conduttore, con o senza conversazione.Il conduttore potrà rispondere al buongiorno dell’H.A. (con una intonazione molto ordinaria)
Le difficoltà create al cane saranno progressive secondo i livelli ( 1 ­ 2 ­ 3)
In tutte le categorie, l’aggressione dell’H.A. deve essere netta ed evidente,e fatta a due mani.
Al momento della aggressione,il figurante ed il conduttore restano statici per 2 secondi. Se il cane morde prima della fine dei 2 sec. si riprende il lavoro di morso normalmente, se il cane non morde nei due secondi, il giudice annulla l’esercizio.
Il cane non deve reagire fino a che il suo padrone non sia stato aggredito.
La stretta di mano dovrà essere fatta obbligatoriamente dall’H.A. che aggredirà.
Lo scenario della difesa del conduttore, come il percorso della condotta al piede, sarà spiegato una volta per tutte al passaggio del cane in bianco. Spiegazioni e precisazioni supplementari possono essere ancora date dopo il cane in bianco,su richiesta di un rappresentante dei conduttori.
L’utilizzo di diversioni non deve diventare una provocazione sul cane o sul conduttore,per evitare di indurre il cane a proteggersi od anticipare la protezione del padrone.
Il figurante dovrà assalire il conduttore e tenerlo per due secondi, tempo in cui il cane deve evere morso.
Durante l’esercizio di difesa, il conduttore dovrà tenersi lontano dall’H.A. di almeno tre metri, fino alla cessazione ed il ritorno del cane al piede.

Descrizione dell’esercizio:
Vedere le prescrizioni generali di messa in posizione.
Svolgimento dell’esercizio a partire da qualche esempio di possibili situazioni:
Semplice conversazione dopo l’incontro fra l’H.A. ed il conduttore,terminata con una aggressione.
Dopo la conversazione, allontanamento dell’H.A. che ritorna ad aggredire il conduttore senza tergiversare.
Come sopra,ma l’H.A. cerca con l’astuzia di interrompere la vigilanza del cane.
L’H.A. aggredisce una terza persona per tentare di provocare una reazione intempestiva del cane.
Due altre persone fingono di litigare per testare l’attenzione del cane sul figurante aggressore.
L’H.A. aggredisce il conduttore in una situazione simile alla realtà quotidiana.
Il giudice darà un colpo di tromba per autorizzare la cessazione.Il cane dovrà restare in vigilanza ferma per 5 secondi,il giudice indicherà la fine dell’esercizio ed il conduttore richiamerà il suo cane.

PENATILTA’:
Il conduttore parla al suo cane dopo il comando di partenza – 30
Il cane morde prima o durante l’incontro o la conversazione – 30
Il cane morde dopo l’incontro ma prima dell’aggressione – 2
(per metro dal luogo previsto dell’aggressione)
Il cane si scarta dal conduttore,senza mordere,in qualunque 
momento, con un metro di franchigia ­ per metro – 1
Il cane abbandona il conduttore oltre i 10 mt.– 30
Il cane aggredisce una terza persona – 30
Il cane non difende nell’intervallo di 2 secondi – 30
Il conduttore incoraggia il cane,o si tiene a meno di 3 mt da lui
durante la difesa od al momento della cessazione – 30
Colpo di denti dopo la cessazione ­ ciascuno – 2
Il cane non torna al piede nei 10 sec che seguono il richiamo – 5
Il cane non vigila a fermo durante 5 secondi – 5

 

GUARDIA DELL’OGGETTO Categoria 3  Punti 30
Caratteristiche dell’esercizio:
L’oggetto sarà posto al centro di un cerchio di 2 mt. di raggio.E’ tracciato un secondo cerchio concentrico di 5 mt. di raggio.Il giudice potrà utilizzare sia uno che due H.A., ma alternativamente, sia l’uno che l’altro devono tenersi ad almeno 10 metri dall’oggetto mentre lavora il collega.
In qualunque caso sono obbligatori tre tentativi di presa dell’oggetto, le penalità saranno cumulative ed identiche per i tre tentativi, secondo gli errori commessi. Se l’oggetto è rubato,che sia al primo,secondo o terzo passaggio,il cane perde i 30 punti attribuiti all’esercizio.
Durante uno dei tre tentativi,lo stesso per tutti i concorrenti,l’H.A. potrà, in accordo con il giudice,utilizzare alcuni accessori destinati,eventualmente,a deviare l’attenzione del cane.Ma essi non dovranno, in nessun caso,servire da scudo od impedire al cane di mordere. Per la guardia all’oggetto è proibito un accessorio non penetrabile.Esso dovrà permettere al cane di attraversarlo. L’accessorio utilizzato non potrà esser uguale agli altri accessori usati nel concorso. L’accessorio non deve essere intenzionalmente abbandonato nel cerchio dei 5 mt. Nel caso in cui l’accessorio utilizzato possa essere confuso dal cane con l’oggetto da vigilare,sarà usato al terzo passaggio.

Sono esclusi gli oggetti da vigilare che possano presentare pericoli per il cane.
La determinazione della distanza alla quale il cane morde, senza accessorio, è la distanza compresa fra la parte del corpo del figurante più vicina all’oggetto e l’oggetto stesso.Con l’accessorio,è la parte dell’accessorio più vicina al cane quella che sarà computata.
L’H.A. deve volere prendere l’oggetto;deve avere una attitudine neutra fino a 2 mt. dal cane, salvo che il cane prenda l’iniziativa dell’offensiva (legittima difesa).
Definizione di morso:per l’oggetto la definizione di morso deve essere identica a quella del falso attacco, o della scoperta nel nascondiglio.
Le circonferenze tracciate al suolo,non sono che dei riferimenti che permettono di valutare le distanze in rapporto alla posizione originale dell’oggetto. Occorre dunque ricreare mentalmente queste distanze in funzione di una diversa posizione dell’oggetto.

Esempio: all’ultimo passaggio il cane va a mordere a 4 mt. e si lascia trascinare a 6 mt.. L’errore è doppio:
a – Il cane va a mordere a 4 mt. = – 5
b – Si lascia trascinare per 2 mt. = – 2
Saranno meno 7 punti in totale.
Alla fine dell’esercizio ed alla apparizione del conduttore, il cane va a raggiungerlo = penalizzazione del comportamento generale.
Per contro, se il cane si allontana dall’oggetto prima del segnale di autorizzazione del ritorno del conduttore,perde 1 punto per ogni metro, fino a 10 metri. Al di là l’esercizio è annullato.
Relazione dell’esercizio:
Vedere le prescrizioni generali di messa in posizione.
Il conduttore depositerà l’oggetto al centro del cerchio di 2 metri di raggio e comanderà il suo cane per la guardia, prima di andare al nascondiglio previsto per la circostanza.
L’H.A. penetrando nel cerchio esterno, dovrà comportarsi in modo neutro, senza aggredire né cercare di attirare il cane.Se quest’ultimo lo lascia entrare nella zona dei 2 mt. l’H.A. potrà allora usare tutte le astuzie possibili, minacce, intimidazioni,movimenti suscettibili di interrompere la vigilanza del cane o di impressionarlo. Avrà circa 30 secondi per prendere l’oggetto.
Se il cane morde in qualunque momento prima che l’H.A. abbia potuto toccare od afferrare l’oggetto, dovrà attendere 2 secondi prima di allontanarsi in modo normale,oppure trascinare il cane se questi ha mantenuto la presa. Se il cane ha morso dopo la presa dell’oggetto,l’H.A. deve immediatamente posare l’oggetto ai suoi piedi e procedere come sopra descritto.
Se il cane tiene l’oggetto con la bocca o mantiene una delle zampe sopra o dentro l’oggetto senza mordere l’H.A. quando questi è in contatto con l’oggetto stesso,l’H.A. dovrà tirare l’oggetto fuori dal cerchio dei 2 mt. finché il giudice fermi l’esercizio considerando l’oggetto come non difeso efficacemente.
Per determinare il punto dove il cane morde,il giudice terrà conto della posizione dell’H.A. Per determinare la distanza alla quale il cane si lascia trascinare,il giudice terrà conto della posizione del cane,le quattro zampe fuori di uno dei cerchi.
Il giudice sarà sempre in diritto di applicare una penalità di comportamento generale, se la guardia all’oggetto,sebbene efficace,non può essere considerata come perfetta.

PENALITA’:
Il cane morde l’H.A. nella zona dei 2 mt. prima che abbia toccato l’oggetto nessuna penalità
Il cane morde nei 2 mt. e si lascia trascinare non oltre il primo cerchio nessuna penalità
Il cane morde nei 2 mt. e si lascia trascinare fuori dal primo cerchio ­ per metro – 1
Il cane morde e si lascia trascinare fuori dei 5 mt. – 15
Il cane si lascia trascinare fuori dei 5 mt. e non lascia per oltre 10 sec – 30
Il cane lascia prendere e spostare l’oggetto, poi morde, quale sia la distanza
all’interno dei cerchi ­ per metro – 1
Il cane lascia prendere e spostare l’oggetto, poi morde fra 5 e 10 mt. – 15
Il cane lascia prendere e spostare l’oggetto al di là di 10 mt. – 30
Il cane va a mordere l’H.A. nella zona compresa fra 2 e 5 mt. – 5
Il cane va a mordere l’H.A. al di là dei 5 mt. (esercizio terminato) – 30

 

VII – TABELLA DEI PUNTEGGI

Per tenere conto di una progressione necessaria e graduale delle difficoltà, è logico prevedere tre livelli
(categorie) nella organizzazione dei concorsi, ciascuno con la seguente quota di punti:

200 in Categoria 1
300 in Categoria 2
400 in Categoria 3

La seguente tabella consente una comoda annotazione della totalità dei punteggi.

Esercizio Categoria:  1  2

3

Condotta al piede  6 6

6

Minuto d’assenza del conduttore 10 10

10

Rifiuto del cibo 5 10

10

Invio in avanti 12  12 

12

Riporto dell’oggetto lanciato 12 12 

12

Posizioni  10  20

20

Ricerca dell’oggetto (piccolo legno)   15

15

Salto della palizzata  15* 15* 

15*

Salto in alto 15* 20*

20*

Salto in lungo  15*  15* 

20

Attacco frontale col bastone (+ ostacoli nel II e III) 50 40

50

Attacco in fuga 50 30

30

Difesa del conduttore 30 30

30

Ricerca e scorta   40

40

Attacco frontale con accessori    40 

50

Falso attacco in fuga     

30

Guardia dell’oggetto    

30

Totale  200 300

400

* esercizi a scelta


Qualificazioni in categoria 3:
Da 0 a 299 punti Insufficiente
Da 300 a 319 punti Sufficiente
Da 320 a 339 punti Buono
Da 340 a 359 punti Molto buono
Da 360 a 400 punti Eccellente

In caso di punteggio identico, i cani saranno classificati secondo i seguenti criteri:
1 Migliore punteggio negli esercizi di morso
2 Migliore punteggio negli esercizi di ubbidienza
3 Migliore punteggio negli esercizi di salto

 

REGOLAMENTO UFFICIALE DELLA CLASSE DEBUTTANTI

 

 I – ESERCIZI DI OBBEDIENZA

CONDOTTA AL PIEDE SENZA GUINZAGLIO  Punti 6
Descrizione dell’esercizio:
Il conduttore seguirà un tragitto indicato dal giudice o dal commissario, che comprende tre cambiamenti di direzione, ad angolo retto od acuto, un dietro front e due fermate. Le fermate saranno eseguite su comando del giudice o del commissario. Valgono le norme generali sulla presentazione dei concorrenti, previste nel regolamento delle classi 1-3.

PENALITA’:
Cane che sopravanza, scarta o rimane indietro, detratti punti 0,5
Cane che non segue o abbandona il conduttore, detratti punti 6

 

ASSENZA DEL CONDUTTORE  Punti 10
Descrizione dell’esercizio:
Il cane sarà posizionato a terra nel luogo indicato dal giudice. Valgono le prescrizioni di messa in posizione comuni a tutti gli esercizi. L’esercizio ha la durata di un minuto dal momento in cui il conduttore sia fuori vista del cane. Al conduttore non è ammesso di voltarsi in direzione del cane.

PENALITA’:
Cane che cambia posizione durante il minuto di assenza o l’allontanamento del conduttore, detratti punti 10
Conduttore che si fa federe dal cane durante l’esercizio o si volta durante l’allontanamento, detratti punti 10
Cane che cambia posizione al ritorno del conduttore, detratti punti 2
Cane che si sposta senza cambiare posizione, detratti punti 1 per metro
Comandi irregolari, detratti punti 10

 

RIPORTO DI OGGETTO Punti 12
Descrizione dell’esercizio:
Tempo massimo per il riporto 15 secondi. L’oggetto potrà essere personale del conduttore (non un gioco) di peso non superiore ad un kg. Sono proibiti oggetti metallici o di vetro. Valgono le prescrizioni di messa in posizione comuni a tutti gli esercizi. Su comando del giudice il conduttore lancerà l’oggetto ad una distanza superiore a 5 metri. In caso di distanza inferiore vi sarà una penalità di un punto nella Valutazione Generale.
Dopo il comando del giudice il conduttore invita il cane a riportare l’oggetto. E’ ammesso un solo comando. Il conduttore deve attendere il comando di fine dell’esercizio per lasciare la posizione base.

PENALITA’:
Comandi supplementari o irregolari, detratti punti 12
Comando gestuale, detratti punti 2
Riporto effettuato oltre il tempo limite, detratti punti 12
Partenza anticipata prima del comando del giudice, detratti punti 4; prima del comando del conduttore, detratti punti 2
Cane che mastica o gioca con l’oggetto, detratti punti1
Cane che lascia cadere l’oggetto, detratti punti 1 ogni volta
Consegna dell’oggetto non seduto, detratti punti 1

 

II – ESERCIZI DI SALTO

SALTO IN ALTO Punti 12
Altezza unica cm 80.
6 punti per l’andata e 6 punti per il ritorno.

Descrizione dell’esercizio:
Il cane dispone di tre tentativi sia per l’andata che per il ritorno. In caso di errore o di rifiuto il conduttore lo rimette nella posizione base per l’andata o per il ritorno, attendendo il comando del giudice. Valgono le prescrizioni di messa in posizione comuni a tutti gli esercizi. Il conduttore posizione il proprio cane alla distanza dal salto che ritiene opportuna. Prima dell’esecuzione dell’esercizio non può mostrare l’ostacolo al proprio cane. Il conduttore si reca al salto e prende posizione lungo la linea tracciata al suolo all’altezza del piliere destro o sinistro. Se il cane lascia la posizione prima del tentativo di salto ed il conduttore deve rimetterlo in posizione, vi sarà la perdita di un tentativo più una penalizzazione. E’ consentito un solo comando verbale, accompagnato da un breve gesto. Superato il salto di andata, con un solo comando il conduttore arresta il cane per prepararlo al ritorno. Dopo il salto di ritorno, con un solo comando il conduttore posiziona il cane al piede. Sono ammessi 10 secondi per il ritorno al piede. Tutti i comandi supplementari di arresto o di ritorno al piede saranno penalizzati. Sarà penalizzato il cane che non si arresti dopo il salto di andata malgrado il comando. Il giudice indica la fine dell’esercizio.

PENALITA’:
Partenza anticipata, prima del comando del giudice, detratti punti 4 e perdita di un tentativo
Partenza anticipata, prima del comando del conduttore, detratti punti 2
Rifiuto all’andata o al ritorno, detratti punti 4
Ostacolo abbattuto, detratti punti 2
Cane che non si arresta dopo il salto di andata, detratti punti 2
Comandi supplementari, detratti punti 2
Cane che non esegue il ritorno al piede in 10 secondi, detratti punti 2
Cane che tocca il salto, detratti punti 2; se si appoggia, detratti punti 2

 

III – ESECIZI DI DIFESA

DIFESA DEL CONDUTTORE Punti 30
Durata della presa 10 secondi. L’esercizio è regolato dai seguenti principi. Vi sarà sempre un incontro preliminare tra il conduttore e l’HA, con una stretta di mano, con o senza conversazione. L’aggressione del conduttore da parte dell’HA deve essere evidente, netta e compiuta a due mani. L’HA ed il conduttore devono restare fermi per due secondi durante i quali il cane deve eseguire la difesa. Il cane non può mordere prima che il conduttore sia aggredito. Durante la difesa il conduttore si deve allontanare dall’HA di almeno 3 metri fino alla cessazione e ritorno del cane al piede.

Descrizione dell’esercizio:
Valgono le prescrizioni di messa in posizione comuni a tutti gli esercizi. L’esercizio può svolgersi secondo i seguenti esempi. Semplice conversazione e saluto tra l’HA ed il conduttore, che termina con una aggressione. Incontro, saluto tra conduttore e HA che dopo essersi allontanato ritorna ed aggredisce.
Al termine della difesa il giudice da il segnale di cessazione. Il cane deve restare in vigilanza per 5 secondi.
Seguirà il comando di fine dell’esercizio con richiamo del cane al piede.

PENALITA’:
Conduttore che parla con il cane dopo l’inizio dell’esercizio, detratti punti 30
Cane che morde prima o durante il saluto dell’HA, detratti punti 30
Cane che morde dopo il saluto ma prima dell’aggressione, detratti punti 2 ogni metro di distanza dal luogo stabilito per l’aggressione.
Cane che si allontana dal conduttore durante la guardia, senza mordere, detratti punti 1 per ogni metro escluso il primo. Oltre 10 metri, detratti punti 30
Cane che morde un’altra persona o non difende entro 2 secondi dall’aggressione, detratti punti 30
Conduttore che incoraggia il cane o non si allontana di almeno tre metri durante la difesa o al momento della cessazione, detratti punti 30
Colpo di denti dopo la cessazione, detratti punti 2 per colpo
Cane che non ritorna al piede nei 10 secondi successivi al richiamo, detratti 5 punti
Cane che non rimane in vigilanza per 5 secondi, detratti 5 punti

 

ATTACCO FRONTALE CON BASTONE  Punti 30
Partenza 5 punti
Attacco 20 punti
Cessazione e ritorno 5 punti

Durata della presa 10 secondi. Distanza 30 metri. Il bastone da usare sarà obbligatoriamente un bambù con taglio a croce. E’ vietato all’HA schivare il cane all’entrata o colpirlo con il bastone. Il braccio dell’HA deve essere lasciato accessibile al cane. Tutti i gesti ed i comportamenti dell’HA che rischiano di procurare dolore al cane sono assolutamente vietati.

Descrizione dell’esercizio:
Valgono le prescrizioni di messa in posizione comuni a tutti gli esercizi. Il cane sarà messo a terra nel luogo indicato dal giudice. Al comando del giudice il conduttore darà inizio all’attacco impartendo un solo comando.
Il comando di cessazione sarà segnalato dal giudice con un colpo di trombetta. L’HA dovrà immobilizzarsi immediatamente al comando di cessazione dato dal conduttore. Il conduttore ha la possibilità di richiamare il cane al piede o consentirgli di rimanere in vigilanza. Il cane deve lasciare la presa e, se esegue il ritorno al piede, tornare nei 30 secondi successivi al primo richiamo. Durante il ritorno del cane l’HA ed il conduttore devono restare immobili. Quando il cane è tornato al piede il giudice da il segnale di fine dell’esercizio. Se viene scelta la vigilanza, il cane deve rimanere in vigilanza per 5 secondi dopo i quali il giudice darà al conduttore il segnale di tornare a fianco del cane e darà il segnale di fine dell’esercizio.

PENALITA’:
Partenza anticipata prima dell’autorizzazione del giudice, detratti 5 punti dall’esercizio otre ad altri 5 dalla valutazione generale.
Seconda partenza anticipata prima dell’autorizzazione del giudice, detratti 30 punti
Partenza anticipata dopo l’autorizzazione del giudice, detratti punti 2,5
Un doppio comando per l’attacco, detratti punti 5. Al secondo detratti punti 30
Comandi irregolari, detratti punti 30
Per ogni secondo non in presa, detratti punti 2
Per ogni cambio di presa rapido, detratti punti 0,5
Per ogni secondo in presa dopo la cessazione, detratti punti 1 (salvo il primo)
Colpo di denti supplementare dopo la cessazione, detratti punti 1
Comando supplementare di richiamo, detratti punti 2,5
Richiamo non in presa, detratti punti 2,5
Ritorno al piede oltre 30 secondi, detratti punti 5
Comandi irregolari dopo la cessazione, detratti punti 5
Il cane non parte all’attacco o non morde, detratti punti 30
Il conduttore si sposta dalla linea di partenza durante l’esecuzione dell’esercizio, detratti punti 30
Il cane non esegue il tipo di richiamo dichiarato alla presentazione, detratti punti 5
Il cane non resta in vigilanza per 5 secondi, detratti punti 5

 

TABELLA RIASSUNTIVA DEI PUNTEGGI
Verifica della socializzazione
Un cane pericoloso non può essere ammesso alla prova.
Condotta al guinzaglio punti 6
Minuto di assenza del conduttore punti 10
Riporto di oggetto punti 12
Salto in alto punti 12
Difesa del conduttore punti 30
Attacco di fronte punti 30
Totale punti 100
La qualifica minima in classe debuttanti sarà attribuita ai soggetti che ottengono il 75% dei punti disponibili

da: http://www.canisportivi.com/canisportivi/regolamenti/mondioring/ 

Autore dell'articolo: Matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *