Pulegio

Famiglia : Lamiaceae

Nomi locali : Mentassa, Porviziol, Pulein, Abuleju

Principi attivi : olio essenziale contenente mentolo, mentone, pulegone e isopulegone, piccole quantità di un glucoside e di un saponoside


Proprietà : dissetanti, rinfrescanti, digestive, antifermentative, intestinali, antispasmodiche, leggermente antisettiche

Usi e funzioni :

Il pulegio ha quasi le stesse proprietà della menta, cioè favorisce la digestione e il corretto funzionamento del fegato, seda i crampi intestinali e contrasta la produzione di gas intestinali, i fiori sono utili per sedare la tosse e come espettoranti mentre secondo la tradizione il puleggia regola il flusso mestruale, seda la tensione nervosa e l’ eccitazione cardiaca. Se applicato sul corpo ha funzioni antisettiche, analgesiche e antipruriginose.

Preparati per ingestione :

i seguenti preparati stimolano la digestione e attenuano i dolori intestinali e la produzione di gas :

Utilizzando i fiori :

Infuso : 1-2 g in 100 ml di acqua, bere una tazzina dopo i pasti.

Tintura : 20 g in 100 ml di alcool a 70°, assumere, all’occorrenza, 1-2 cucchiaini in acqua zuccherata.

Tintura vinosa : 2 g in 100 ml di vino bianco, lasciar macerare per 8 giorni, bere un bicchierino all’ occorrenza.

Preparati per uso esterno :

Utilizzando i fiori :

Infuso : 5 g in 100 ml  di acqua, in caso di pruriti e infiammazioni di pelle, mucose o vie aeree, fare sciacqui e gargarismi, applicare garze imbevute e respirare i vapori ottenuti gettando le foglie in acqua bollente.

Autore dell'articolo: Matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *